iMoviusic

IL MONELLO

"Un film con un sorriso e, forse, una lacrima"
(C. Chaplin)

Per ricordare il grande piccolo genio del muto…

Tiruli

CHARLIE CHAPLIN

Sir Charles Spencer Chaplin, noto come Charlie Chaplin nacque a Londra, il 16 Aprile 1889. E’ stato un attore, regista, sceneggiatore, compositore e produttore, autore di oltre novanta film. E’ uno dei più importanti e influenti cineasti del XX secolo!
Chaplin fu una delle personalità più creative del cinema muto.
Il personaggio attorno al quale costruì larga parte delle sue sceneggiature fu quello del “vagabondo” : un omino dalle raffinate maniere e con la dignità di un gentiluomo, vestito di una stretta giacchetta, pantaloni e scarpe più grandi della sua misura, una bombetta e un bastone da passeggio; tipici erano anche i baffetti e l’andatura ondeggiante. L’emotività sentimentale e il malinconico disincanto di fronte alla spietatezza e alle ingiustizie della società moderna, fecero di Charlot l’emblema delle classi sociali più emarginate.
Per realizzare i suoi ultimi film decise di abbandonare il personaggio che gli aveva donato popolarità e che tutti abbiamo amato, per la sua capacità di trasmetterci tanta tenerezza.
« Non poteva parlare, non saprei che voce usare. Come riuscirebbe a mettere insieme una frase? Per questo motivo Charlot ha dovuto darsela a gambe »

Con questa frase la celebrità del muto diede l’addio al suo piccolo e nero clown :)

Tiruli

Un’invenzione geniale

Riprodurre le immagini in movimento è sempre stata l’aspirazione degli artisti, possiamo ricordare come già dai graffiti preistorici si possano riconoscere scene raffiguranti figure in movimento. Conosciutissima è la tecnica delle ombre cinesi che già da oltre duemila anni veniva utilizzata per rappresentazioni teatrali.  Le Silhouette proiettavano  le loro ombre su un telo bianco attraverso un fascio di luce. Disegni con piccole modifiche scritti su un fascio di fogli che venivano fatti scorrere velocemente erano prodotti per suscitare curiosità; l’immagine veniva percepita dall’occhio umano come se fosse in movimento. L’avvento della fotografia ripropose la necessità culturale dell’immagine dinamica. Furono due genietti francesi, i fratelli Lumière, che nel 1894 inventarono un sistema di scorrimento della pellicola fotografica che impressionata poteva essere proiettata su una superficie bianca e mostrare le scene in movimento. Era nata la cinematografia. 
Questo nuovo strumento a disposizione della cultura e dell’arte fu dirompente al punto di far divenire questa nuova tecnica una vera e propria industria a livello mondiale: il Cinema.
Si, è proprio così: questi due hanno tutta la mia stima!

Tiruli

CINEMA e MUSICA


Tecnicamente il cinema è una storia proiettata su un grande schermo, ma realmente la messa su schermo di sogni, paure, speranze, previsioni.
Il cinema è fantasia e realtà, paura e divertimento.
Il cinema è qualcosa di surreale ma che, al contempo, diventa reale nell’attimo stesso in cui si vive la stessa storia dei protagonisti guardando un film.
Il cinema è l’espressione dei sogni umani che sono difficili da raggiungere, ma è anche un modo per esprimere un messaggio e fare in modo che arrivi in maniera diretta al cuore della gente. In poche parole è il modo migliore per comunicare qualcosa al pubblico.
A volte rappresenta il mondo perfetto. Vi è mai capitato di aver sentito l’esclamazione: “Questo succede solo nei film!” ?
Sicuramente sì, ed è vero: il film è la realtà rivisitata, in meglio, da noi.

E la musica?
Beh la musica è la vera lingua universale.
Fidatevi, non è l’inglese…ma la musica.
E’ l’espressione delle proprie emozioni attraverso suoni.

Ma tutto questo è ARTE.
Arte vuol dire magia e può comprenderla solamente chi riesce, dopo tutto, a tornare un po’ bambino.

Tiruli

Ciao a tutti!

Questo è il primo articolo che pubblico su questo nuovo blog.
Di che parla questo blog?
Di Cinema e di Musica!
Mi potete fare delle domande?
Ma certo, basterà cliccare sul tasto “chiedimi pure” ed io cercherò di rispondervi al più presto.

Potete, anzi ne sarei davvero felice, se collaboraste con me. In che senso?
Oltre che a farmi domande potreste darmi dei consigli, e darò spazio anche per eventuali dibattiti.

Bene, ora possiamo iniziare!

Tiruli